Emblema o albero
Tipo
Parte e sez. del registro
Intestatario o soggetto
Sezioni speciali
Ricerca libera

Registro Araldico Italiano

 
 

a cura dello Studio Araldico Pasquini

 
 

perito in scienze antiche ed araldiche (CCIAA Chieti)

it en
 


   891
emblemi registrati 


 

Negozio online

(intestatario, soggetto o testo)

Versione in inglese in aggiornamento

Gran Commenda dei Santi Giovanni e Lazzaro di Gerusalemme

Settori: Cavalleria, Religione      
Concetti e riferimenti: Cavalleria, Fede religiosa, Retaggio      
Stile dell'emblema: A colori      
Autorità protettrice: Casa Imperiale Tomassini Paternò Leopardi di Costantinopoli, Chiesa Ortodossa Siriaca      
Descrizione
 
Gallery
 
Ħ
Link
 
=
File
 
Altri riconoscimenti
 
Sotto prodotti
 
ä
Correlati
 

REGISTRAZIONE N. 550


DATA DI REGISTRAZIONE


10 luglio 2019


DENOMINAZIONE


Gran Commenda dei Santi Giovanni e Lazzaro di Gerusalemme


TIPO


Confraternita cavalleresca crociata capitolare, cristiana ecumenica indipendente


AUTORITA' PROTETTRICI


Chiesa Ortodossa Siriaca (protezione spirituale), Casa Imperiale Tomassini Paternò Leopardi di Costantinopoli (protezione temporale)


GRAN PRIORE


 Ezra Foscari Widmann Rezzonico Tomassini Paternò Leopardi (eletto dal capitolo, benedetto dalla Chiesa Siriaca e riconosciuto dalla Casa Leopardi, incarico perpetuo a vita) - Carlos Berger Edle Helbing di Siebenbrunn e Koenigsfele


DECORAZIONE


Una croce biforcata d'argento, bordata d'oro, accantonata da 4 aquile bicipiti di nero, sormontate da una corona patriarcale d'oro, tempestata di gemme di verde, con le effigi di San Giovanni e Lazzaro raffigurate ai lati e caricata in basso da un'aquila bicipite d'oro; le aquile caricate in petto da uno scudetto ovale d'argento, con la croce di verde e reggenti con la zampa destra il globo imperiale e con quella sinistra una spada. La croce sormontata dalla corona patriarcale e da un trofeo composto da uno scudo sagomato d'argento, alla croce di verde, sormontato da un elmo in maestà d'oro con sette affibbiature, con corona da marchese e tre piume (verde, argento, verde); ai fianchi dello scudo sei bandiere d'argento, alla croce di verde (tre per parte)

COLORE DEL NASTRO

Categoria di Giustizia (Nobili): verde con due striscie di bianco all'estremità

Categoria di Grazia (non Nobili): verde con due striscie di rosso all'estremità

COLORE DEL FIOCCO (donne)

Categoria di Giustizia (Nobili): verde con una striscia di bianco in mezzo

Categoria di Grazia (non Nobili): verde con una striscia di rosso in mezzo

STEMMA


Scudo: gotico


Arma: d'argento, alla croce biforcata d'argento, bordata d'oro, accantonata da 4 aquile bicipiti di nero, sormontate da una corona patriarcale d'oro, tempestata di gemme di verde, con le effigi di San Giovanni e San Lazzaro raffigurate ai lati e caricata in basso da un'aquila bicipite d'oro; le aquile caricate in petto da uno scudetto ovale d'argento, con la croce di verde e reggenti con la zampa destra il globo imperiale e con quella sinistra una spada


Sostegni: i santi Giovanni e Lazzaro ai lati dello scudo


Timbro: lo stemma racchiuso dentro un mantello di verde, foderato d'ermellino e cordato e frangiato d'oro, raccolto ad una corona bizantina con le immagini dei due santi ai lati


DOCUMENTI DEPOSITATI


Pagamento elettronico