Emblema o albero
Tipo
Parte e sez. del registro
Intestatario o soggetto
Tag
Seleziona
Con brisure
Con esegesi
Con statuto araldico
Arma di dignità
Arme di parentela
Arma parlante
Arma allusiva
Arma matrimoniale
Arma sovrana
Arma irregolare
Con concessione
Famiglia estinta
Araldica domestica
Famiglia guelfa
Famiglia ghibellina
Famiglia feudataria
Lord of the manor
Arme d'inchiesta
Con allegato
Arma brisata
Ricerca libera
 

N. Reg.ni. 569

Registro Araldico Italiano

 
 

a cura dello Studio Araldico Pasquini

 
 

perito in scienze antiche ed araldiche (CCIAA Chieti)

 

(intestatario, soggetto o testo)

Pubblicata la I edizione del Registro Araldico Italiano

Spanò Diego - con decreto ter

Castilla Y Leon (Mazzacuva di Montebello)

Colori, smalti e pellicce: Azzurro, Oro, Rosso, Verde      
Elementi simbolici: Fauna, Figure araldiche, Natura      
Ornamenti esterni allo scudo: Corona, Cercine, Elmo, Lambrecchini/Svolazzi/Fogliame, Motto      
Concetti e riferimenti: Origine geografica, Retaggio      
Stile dell'emblema: A colori      
Soggetto concedente: Cronista d'Arma di Castilla Y Leon      
Tag: Arma irregolare - Con allegato      
Descrizione
 
=
Allegati
 
ä
Correlati
 
REGISTRAZIONE N. 452 quater

DATA DI REGISTRAZIONE

25 giugno 2017

INTESTATARIO

Dott. Diego Spanò

PROVENIENZA

Reggio Calabria

RESIDENZA

Messina

ALIAS

Marchese dei Mazzacuva di Montebello Jonico, Barone dei Tre Mulini, Nobile di Mazzacuva, Nobile e Patrizio di Reggio Calabria

STEMMA

Scudo: sannitico

Arma: d'azzurro, al leone coronato d'oro, armato e lampassato di rosso, sovrastante un monte di tre cime di verde

Motto: Mons belli nobilitas

Elmo: d'argento, graticolato, bordato e collarinato d'oro, posto di fronte (da marchese)

Cercine: d'azzurro e d'oro

Corona: un cerchio d'oro rabescato e gemmato al naturale, cimata da quattro fioroni d'oro di cui tre visibili, sostenuti da punte e alternati da dodici perle disposte tre a tre in quattro gruppi a piramide di cui due sono visibili (da marchese)

Lambrecchini: azzurro, oro e verde

ALIAS

Scudo: semirotondo


Arma: inquartato: nel 1° e nel 4° d'azzurro, al leone coronato d'oro, armato e lampassato di rosso, sovrastante un monte di tre cime di verde; nel 2° e nel 3°d'azzurro, alla palma sradicata d'oro, sormontata da un crescente montante d'argento e sinistrata da un leone controrarampante del secondo ed addestrata da tre ruote di mulino (2,1) d'argento


Corona: da barone


Elmo: in maestà di nero, graticolato e bordato d'oro


Cercine: d'oro e d'azzurro


Coroncina: da marchese


Lambrecchini: d'oro e d'azzurro

AUTORITA' CONCEDENTE
Cronista d'arma di Castilla Y Leon

Hanno diritto all'uso dello stemma tutti i discendenti legittimi e naturali dell'intestatario

DOCUMENTI DEPOSITATI

Stemma, certificazione d'arma del Cronista de Arma de Castilla Y Leon, Sentenza del Tribunale nobiliare internazionale, organo permanente della Corte suprema di giustizia nobiliare arbitrale di Bari. Legalizzazione dello stemma dei Mazzacuva di Montebello Jonico da parte del Registro de Patentes y Marcas di Spagna, Provvedimento di giustizia del titolo di Mazzacuva di Montebello Ionico della Casa Ducale D'Este Orioles.