Emblema o albero
Tipo
Parte e sez. del registro
Intestatario o soggetto
Tag
Seleziona
Con brisure
Con esegesi
Con statuto araldico
Arma di dignità
Arme di parentela
Arma parlante
Arma allusiva
Arma matrimoniale
Arma sovrana
Arma irregolare
Con concessione
Famiglia estinta
Araldica domestica
Famiglia guelfa
Famiglia ghibellina
Famiglia feudataria
Lord of the manor
Arme d'inchiesta
Con allegato
Arma brisata
Ricerca libera
 

N. Reg.ni. 569

Registro Araldico Italiano

 
 

a cura dello Studio Araldico Pasquini

 
 

perito in scienze antiche ed araldiche (CCIAA Chieti)

 

(intestatario, soggetto o testo)

Pubblicata la I edizione del Registro Araldico Italiano

Spanò Diego

registrazione

Tag: Con allegato      
Descrizione
 
Gallery
 
b
Allegati e links
 
Ħ
Sito dei baroni Spanò
 
=
File
 
ä
Correlati
 

REGISTRAZIONE N. 452


DATA DI REGISTRAZIONE


26 dicembre 2015


INTESTATARIO


Dottor Diego Spanò


ALIAS


Barone dei Tre Mulini, Nobile di Reggio Calabria, Patrizio Bizantino, Barone di Pomerania e Livonia, Cavaliere templare del Granducato di Pomerania e Livonia, Barone della Palmara, Cavaliere ereditario del Sovrano Ordine dei Cavalieri Normanni della Palmara


PROVENIENZA


Reggio Calabria


RESIDENZA


Messina


STEMMA


Scudo: sannitico


Arma: d'azzurro, alla palma sradicata d'oro, sormontata da un crescente montante d'argento e sinistrata da un leone controrarampante del secondo


ALIAS


Idem


Timbro: elmo e corona da nobile

Cercine e lambrecchini: d'azzurro e d'oro


ALIAS


D'argento, alla spada in palo affiancata dalle lettere gotiche D ed S e sormontata da una croce templare, il tutto di rosso


Elmo: di profilo, chiuso, di acciaio, con cinque penne di rosso


Lambrecchini: di rosso e d'oro

ALIAS (non esclusivo)

Uno scudo gotico, partito: nel 1° d'azzurro, alla banda scaccata di due file, di rosso e d'argento (Altavilla); nel 2° d'oro, a quattro pali di rosso (Aragona). Lo scudo sormontato da una corona reale ed accollato ad una croce biforcata d'argento, bordata d'oro

ALIAS

Scudo: semirotondo
Arma: inquartato: nel 1° e nel 4° d'azzurro, al leone coronato d'oro, armato e lampassato di rosso, sovrastante un monte di tre cime di verde; nel 2° e nel 3°d'azzurro, alla palma sradicata d'oro, sormontata da un crescente montante d'argento e sinistrata da un leone controrarampante del secondo ed addestrata da tre ruote di mulino (2,1) d'argento.
Corona: da barone
Elmo: in maestà di nero, graticolato e bordato d'oro
Cercine: d'oro e d'azzurro
Coroncina: da marchese
Lambrecchini: d'oro e d'azzurro


Hanno diritto allo stemma tutti i discendenti diretti dell'intestatario e Giacomo Zanghì (nipote)


DOCUMENTI DEPOSITATI


Stemmi, anello di famiglia, documenti storici, nomina a Cavaliere Templare e Barone di Pomerania e Livonia del Granducato di Pomerania e Livonia (micronazione), Decreto di registrazione sul Grande Armoriale Italiano, Estratto di registrazione sul Registro de Armas de la Comunidad Hispànica, Lettera Patente della Sovrana lmperiale Reale Granducal Casa Tiberio Dobrynia di Russia di Roma Bisanzio, di nomina in favore del Barone Dott. Prof. Don Diego Pantaleone Francesco SPANO' di Tre Mulini quale: "Cavaliere Ereditario del Sovrano Ordine dei Cavalieri Normanni della Palmara et Barone della Palmara" (Ordine cavalleresco-nobiliare non nazionale di collazione dinastica dell'Augusta Casa Tiberio Dobrynia), Estratto di registrazione sul Registro Ade Armas de la Comunidad Hispanica.

* Aggiornato il 14/12/2018