Emblema o albero
Tipo
Parte e sez. del registro
Intestatario o soggetto
Tag
Seleziona
Con brisure
Con esegesi
Con statuto araldico
Arma di dignità
Arme di parentela
Arma parlante
Arma allusiva
Arma matrimoniale
Arma sovrana
Arma irregolare
Intestatario o soggetto

a cura dello Studio Araldico Pasquini

RICERCA EMBLEMI O REGISTRAZIONI

Registro Araldico Italiano

 
 
 
 

Il registro

 

Non esistendo in Italia un Ufficio Araldico per privati, c'è la necessità di dar vita a forme di tutela private dello stemma personale o, se vogliamo, di famiglia.


Il principale scopo del registro è di pubblicizzare e rendere noti gli stemmi delle famiglie italiane, in modo di facilitare la rapida identificazione di una casata, attraverso la rappresentazione grafica del suo cognome, della sua storia o delle sue gesta.


Purtroppo l'esistenza di questo registro non può evitare che più famiglie usino lo stesso stemma o emblema, o che alcune rubino letteralmente l'arma di una casata con stesso cognome, ma cerca di scoraggiare questa abitudine scorretta ed anti-storica e si adopera affinchè tutto ciò non succeda, consigliando gl'interessati ad adottare stemmi di famiglia ex novo ed unici.


Ove questo non sia possibile, e l'intestatario è consapevole del "furto araldico", quando questo sia accertato, sulla registrazione sarà menzionato lo stato di fatto de quo.


Il RAI quindi è da considerare più uno specchio che "registra" la situazione araldica in Italia, che un'autorità che riconosce o concede titoli, onorificenze o stemmi.  


Oltre agli stemmi di famiglia (sia italiani, che stranieri), il RAI si occupa di censire, registrare e promuovere anche gli emblemi ecclesiastici, quelli goliardici, quelli di enti, quelli commerciali,  di proprietà, commemorativi e celebrativi e gli alberi genealogici; inoltre vengono elencati in apposita sezione gli emblemi concessi da autorità araldiche straniere o la cui spettanza sia stata acclarata da sentenze di ogni tipo.


Oltre allo stemma è possibile registrare anche badges, insegne, cimieri, rebus, motti, bandiere, stendardi, pennoni, gonfaloni, guidoni, ex libris, livree, sigilli ed alberi genealogici.


Il petizionario potrà allegare alla richiesta di registrazione anche uno statuto araldico o una scheda sulla famiglia. Anche se l'editore non entrerà nel merito circa la veridicità del contenuto della scheda autobiografica, si riserverà di modificare, correggere o eliminare le parti del testo che risultano inadatti nel contesto della registrazione.


Ai fini della registrazione degli stemmi familiari è richiesta una sola arma o insegna, tuttavia i petizionari sono liberi di aggiungere tutti gli altri simboli che distinguono la famiglia., Non esistendo più leggi che riguardino la regolamentazione della materia araldico-nobiliare, i cittadini italiani sono liberi di usare gli elementi esterni di uno stemma come credono. Infatti elmi, supporti, corone o lambrecchini possono essere usati anche come elementi decorativi di uno scudo o come "..fregio alle figure dello scudo" (Felice Tribolati, Grammatica Araldica, ed. Hoepli).


Lo Studio Araldico Pasquini registrerà lo stemma già in possesso del petizionario, o uno ex novo sul Registro Araldico Italiano, e quindi rilascerà un certificato che attesti tutti gli estremi della registrazione che verrà pubblicata sul sito.


Il Registro per ora è solo in formato digitale ma appena possibile, sarà stampata anche una copia in formato cartaceo che sarà messa in vendita attraverso questo sito e depositata presso un Archivio di Stato o una biblioteca pubblica e ogni 500 registrazioni sarà integrata dalle successive edizioni.


 
 
SITO IN FASE DI ULTIMAZIONE