Emblema o albero
Tipo
Parte e sez. del registro
Intestatario o soggetto
Tag
Seleziona
Con brisure
Con esegesi
Con statuto araldico
Arma di dignità
Arme di parentela
Arma parlante
Arma allusiva
Arma matrimoniale
Arma sovrana
Arma irregolare
Intestatario o soggetto

a cura dello Studio Araldico Pasquini

RICERCA EMBLEMI O REGISTRAZIONI

Registro Araldico Italiano

 
 
 
 
 
Registrazioni

Famiglie di Distinta Civiltà Italiane

Durante il Regno d'Italia, secondo l'art. 30 del Regio Decreto 7 giugno 1943, n. 651, erano ammessi il riconoscimento di stemmi di cittadinanza a famiglie non nobili, ma di distinta civiltà, che potevano provare con documenti autentici o riproduzioni di monumenti di goderne da un secolo il legittimo possesso.


In araldica questa consuetudine è stata mantenuta fino ad oggi, quindi sul Registro Araldico Italiano coloro che hanno registrato lo stemma storico e che possono fregiarsi della distinta civiltà saranno elencati in questo spazio.

L'allegato sarà quindi inserito al momento della stampa della pubblicazione alla fine del registro nell'Elenco delle Famiglie di Distinta Civiltà.


Per poter essere inclusi in questo elenco bisogna procedere ad una disamina della situazione della propria famiglia : lo Studio Araldico Pasquini offre la possibilità di effettuare questa disamina e quindi dopo la valutazione dei documenti e delle prove che sottoporrete (in caso di riscontro positivo) sarà possibile definire la vostra posizione ed acquisire la qualifica di famiglia di distinta civiltà.


La qualifica sarà accompagnata da un fascicolo contenente la prove presentate, una relazione sulla disamina del caso e se richiesta una perizia giurata dello studio, che è iscritto come perito in Scritture antiche ed araldiche alla Camera di Commercio di Chieti.


Se in possesso di distinta civiltà la famiglia potrà essere iscritta in questa sezione e nella Parte V dell'Annuario della Nobiltà Italiana.


Per essere annoverati nella distinta civiltà bisogna che la famiglia abbia i seguenti requisiti:

i) Possesso di uno stemma da almeno 100 anni

ii) Pubblicazione dello stemma (o insegna) in pubblicazioni o raffigurazione dello stemma (o insegna) su monumenti pubblici, edifici o oggetti di famiglia.

iii) Presupposto di vita more nobilium: per almeno tre generazioni, a partire dal richiedente, la famiglia non deve aver svolto arti meccaniche o professioni infamanti e possibilmente deve aver svolto professioni intellettuali, o aver goduto dello status di proprietari terrieri o aver ricoperto delle cariche pubbliche.


Costo iscrizione: Euro 50

 
 
SITO IN FASE DI ULTIMAZIONE